ADAMO ED EVA AI FORNELLI

fernando_botero_081_adamo_ed_eva_e bene dopo il MAC questa settimana ho deciso di partire dalle origini e discutere un po’ di cucina e gusto rivisitando in chiave gastronomica il vecchio “conflitto” tra uomo e donna…ai fornelli! Nell’immaginario collettivo, specialmente nei decenni passati, era difficile pensare all’uomo come a colui che si dedicava alle faccende di casa e a preparare i pasti per provvedere ai bisogni nutrizionali della famiglia…oggi invece la realtà è completamente diversa…i ruoli di uomo e donna sono diventati complementari se non addirittura ribaltati, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti più femminili della gestione della casa. La fama internazionale di molti chef e anche, nella realtà casalinga, la bravura di molti uomini a destreggiarsi tra pentole e padelle, conferma che Adamo sembra aver sorpassato Eva anche su questo fronte… Se volgiamo inoltre lo sguardo ai frequentatori dei corsi di cucina nelle scuole, notiamo sempre più spesso la presenza di tanti single, fidanzati e mariti… a questo punto mi viene da chiedermi come e quando è nata questa inversione di tendenza o se semplicemente i consorti preferiscono vedere con i loro occhi quello che poi andranno a preparargli le loro compagne perché come al solito non si fidano delle donne… Certo è che quando penso alla cucina tradizionale, a quei sapori del passato che ti portano indietro all’infanzia, la prima cosa che mi viene in mente è la cucina della nonna e non quella del nonno! Eppure se guardiamo ai “piani alti” del panorama culinario mondiale, anche coloro che si professano totalmente ignoranti in materia sapranno menzionare almeno un nome di chef…maschio! Quello che è noto è che nelle cucine delle vecchie locande famose da generazioni, se buttiamo uno sguardo in cucina sicuramente troveremo un viso dolce di una qualche signora non più giovanissima che mescola la sua famosa zuppa dall’ingrediente segreto, mentre se chiediamo l’autore dell’ultima stravaganza culinaria appena assaggiata in qualche ristornate segnalato sulle guide più importanti, ci verrà indicato come autore l’ultimo chef di grido. Dopo un’attenta riflessione, nella quale non posso comunque non ammettere che gran parte degli uomini se la cavano in modo eccelso in cucina, mi chiedo dunque…quando e perchè Eva ha deciso di passare il mattarello ad Adamo?

Annunci

Meglio tardi che mai, bentornati!!

Vacanze lontane? Ebbene si non bastano mai…

Rieccoci tutti, nel pieno e  frenetico ritmo della quotidianità che spesso ci fa rinunciare al nostro benessere e ad avere più cura di noi, un consiglio utile? seguite una sana ed equilibrata alimentazione.

Cosa ne pensate della cucina a vapore?

LA CUCINA NATURALE. CUCINA AL VAPORE 

Desidero segnalarvi a questo proposito una rivista ed un libro in uscita in questi giorni

Cucina Naturale la guida Cucina al Vapore di Giuseppe Capano.
La cucina a vapore riserva sorprese di gusto, consente la preparazione di piatti prelibati e delicati ed è insuperabile non solo per mantenere colore e sapore delle verdure, o per la preparazione di pesci e crostacei, ma anche nella preparazione di primi piatti e dolci. Tra le varie idee lo Chef Capano propone altri tipi di cottura sani e gustosi (come il cartoccio o il bagnomaria) che aiutano a comporre dei menu equilibrati e sfiziosi. Un libro per coloro che amano o devono cucinare leggero e vogliono poter contare su una buona varietà di proposte e di piatti, ma che piacerà anche ai gourmet appassionati di cucina per andare alla scoperta di metodi di cottura molto più versatili di quanto non immaginano. Tra i grandi sostenitori della cucina leggera ma  anche creativa lo chef Pietro Leeman