Cantine aperte in Ticino il 24 e 25 maggio

vino+bottiIl 24 e 25 maggio viaggio alla scoperta delle cantine locali e delle specialità regionali del Ticino con l’Hotel Eden Roc di Ascona.

Circa 50 produttori di vino del Canton Ticino saranno tra i protagonisti, il 24 e il 25 Maggio, della giornata dedicata alle „Cantine Aperte“. Un’ottima occasione per tutti gli appassionati per visitare le cantine e i vigneti di questa regione svizzera, di conoscere i produttori e di degustare direttamente in loco i vini. In occasione della manifestazione l’Hotel Eden Roc ad Ascona offre il pacchetto „Ticino, la giornata e serata delle Cantine Aperte“: mentre lo chef executive prepara specialità regionali, il sommelier Giovanni Ferraris accompagna gli ospiti a visitare alcuni dei più rinomati vigneti della regione.

I vini Merlot del Ticino non sono più un segreto da lungo tempo. Il clima nel sud della Svizzera è l’ideale per la coltivazione di vini e qui viticoltori appassionati hanno creato ottimi vini che non devono temere il confronto internazionale. Molte cantine sono anche gioielli architettonici che si trovano in un contesto naturale idilliaco. L’Hotel Eden Roc offre dal 23 al 25 maggio 2014 il pacchetto „Ticino: la giornata e serata delle Cantine Aperte“, un week-end molto interessante per tutti coloro che vogliono avere una panoramica dell’offerta vinicola della regione. In occasione della manifestazione „Cantine Aperte“ il sommelier Giovanni Ferraris accompagna gli ospiti a visitare tre prestigiosi produttori di vino: la mattina si comincia con la Cantina Pian Marnino a Gudo; a seguire si visiterà la Cantina Pizzorin in Sementina. Dopo essersi rifocillati con un pranzo di tre portate, accompagnato dai vini dell’Agriturismo Amorosa di Gudo, l’avventura enologica si conclude con una visita alla Cantina Tenimento dell´Ör in Arzo. Senza dimenticare che il finesettimana sarà allietato dalle prelibatezze cucinate dall’executive chef Salvatore Frequente che venerdì proporrà, al ristorante La Casetta, una cena tipica ticinese con vini abbinati, mentre il sabato, al ristorante La Brezza sarà il turno di specialità mediterranee.  Le tariffe del pacchetto partono da CHF 860 (circa Euro 720) per persona e includono 2 pernottamenti, prime colazioni, accesso alla Eden Roc Spa così come la vista alle cantine e le cene riportate sopra.

Per informazioni e prenotazioni: Hotel Eden Roc tel. +41 (0)91 785 71 71. L’offerta è altresì prenotabile al sito www.edenroc.ch.

(Fonte: P&G Relazioni Pubbliche)

Annunci

Ops… tanto cibo durante le Feste, ma il vino??

vinoooIl vino oggi? Non più semplicemente un elemento irrinunciabile sulle nostre tavole, l’accompagnatore per eccellenza di ogni pietanza, bensì elisir di bellezza, segreto dell’eterna giovinezza, grazie alle straordinarie proprietà che ha l’uva, vera miniera di principi attivi che aiutano ad avere e mantenere una pelle levigata e compatta.

Ma lo sapevate?

La scoperta è recente: si chiama vino-terapia, anche se la metodologia ha origini antichissime. Il vino fa bene non solo ai palati più raffinati ma anche alla pelle, come ci insegnano Elle McPherson amante di impacchi di Nebbiolo e Madonna con i suoi gommage al Cabernèt.

Il ruolo del vino, oggi, sembra definitivamente mutato: dalle tavole alle beautyfarm, per entrare concretamente, di fatto, nel regno del benessere. Come dire: vino, ovvero star bene dentro e star bene fuori. Eno-passione, dunque, a 360 gradi!

Il nettare di Bacco stimola l’olfatto, ma strizza un occhio alla vanità e al narcisismo, attraverso infiniti aromi che si accarezzano in una magica sinfonia di sensi.

(A cura di redazione.cucina@congustomagazine.it)

Riedel presenta i nuovi decanter Boa e Curly

tuboTra i nuovi prodotti Riedel del 2013 – anno che celebra il 40° anniversario della storica linea Sommeliers, frutto della geniale intuizione di Claus Riedel – ecco i nuovi e originali decanter Boa e Curly. I prodotti Riedel sono in grado di far vivere un’esperienza gustativa del vino assolutamente unica. Certamente il primo pensiero è rivolto ai calici austriaci, che, attraverso forma, capacità, diametro e base appositamente studiati, determinano la diversa percezione di uno stesso vino, esaltandone o diminuendone l’intensità, il sapore ed il profumo. Nondimeno i famosi decanter dell’azienda di Kufstein, tutti ancora oggi soffiati a bocca come la serie Sommeliers, favoriscono un’aerazione ottimale del vino, permettendogli di sprigionare tutto il suo potenziale.

BOA

Introdotto in occasione dell’anno cinese del Serpente, questo decanter, ideato da Maximilian J. Riedel, riprende le sinuose linee serpentine molto care all’azienda. Basti pensare ai meravigliosi decanter Eve (2009) e Mamba (2011). Rispetto a questi ultimi, Boa presenta spire più strette e corte, consentendo una doppia decantazione ancora più rapida, “aprendo” il vino nel momento stesso in cui viene versato. Boa è anche protagonista di una simpatica storia animata, disponibile su:

http://www.youtube.com/watchv=yKZuLOrDSj8

CURLY

Design di Georg J. Riedel, nuovo e simpatico decanter vivacizzato da una striscia di cristallo rosa che ne percorre la silhouette interna, evocando, per colore e forma, la coda di un maialino. Un prodotto certamente pieno di estetica e funzionalità, accompagnato da una buona dose di allegria e dinamismo. Come per Boa, il vino vortica rapidamente attraverso la curvatura del decanter, ottenendo un’ossigenazione quasi immediata.

(Fonte: Zed Comm Ufficio Stampa Riedel)

Vino tendenza…

Ops, tanto cibo ma il vino?

Il vino oggi? Non più semplicemente un elemento irrinunciabile sulle nostre tavole, l’accompagnatore per eccellenza di ogni pietanza, bensì elisir di bellezza, segreto dell’eterna giovinezza, grazie alle straordinarie proprietà che ha l’uva, vera miniera di principi attivi che aiutano ad avere e mantenere una pelle levigata e compatta.
Ma lo sapevate?
La scoperta è recente: si chiama vino-terapia, anche se la metodologia ha origini antichissime. Il vino fa bene non solo ai palati più raffinati ma anche alla pelle, come ci insegnano Elle McPherson, amante degli impacchi di Nebbiolo, e Madonna con i suoi gommage al Cabernèt.
Il ruolo del vino, oggi, sembra definitivamente mutato: dalle tavole alle beautyfarm, per entrare concretamente, di fatto, nel regno del benessere. Come dire: vino, ovvero star bene dentro e fuori. Eno-passione, dunque, a 360 gradi!
Il nettare di Bacco stimola l’olfatto, ma strizza un occhio alla vanità e al narcisismo, attraverso infiniti aromi che si accarezzano in una magica sinfonia di sensi.